Un pico del 24 12 2011, esiti conservazione sperimentale casalinga

26 gennaio, 2012



CONTENUTI PUBBLICI



Per leggere il resto di questa a news bisogna essere iscritti ed aver ricevuto l’accesso al quattordicesimo livello in cui vengono raccolte news riguardanti le varie metodologie di conservazione dei tartufi freschi nonchè gli esiti dei test sperimentali nel tentativo di aumentarne il periodo di conservazione.

Iscriviti gratuitamente per ottenere la password base

Leggi info per ottenere i permessi di accesso anche per altri servizi, risorse, news, o contenuti

Entra se hai ottenuto i permessi di accesso per questo quattordicesimo livello





Per leggere il resto di questo articolo devi ricevere l'autorizzazione per accedere al quattordicesimo livello.


La tua iscrizione non è ancora stata convalidata dal nostro staff
OOPS, mi dispiace ma questo trucco non funziona piu: Attenzione, contenuto bloccato, per leggere questo contenuto bisogna essere iscritti, aver ricevuto i permessi per le news di questo livello ed eseguire il login.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx


Mau, id 1, trovatartufi.com

Ciao a tutti, pubblico in zona aperta a tutti uno dei risultati dei test in corso per tentare di aumentare il periodo di conservazione del tuber magnatum Pico da fresco.


Di seguito le foto di un piccolo tartufo immmortalato oggi, 26 01 2012, dopo che lo stesso è stato oggetto della sperimentazione sulla conservazione "casalinga".

Il tartufo è stato da me trovato in data 24 12 2011, quindi da più di 30 giorni.

Lo stesso si presenta:

Non per nulla disidratato;

Consistente al tatto;

Peridio con colore giallognolo tipico della specie;

All'olfatto il suo profumo e meravigliosamente inebriante;

Al taglio la gleba risulta tipicamente marmorizzata anche se le vene fertili risultano a vista leggermente ingrossate.

Tra poco provvederò all'analisi microscopica per verificare le spore per avere una idea sulla maturazione.

Lo stesso carpoforo verrà nuovamente sottoposto alla metodologia sperimentale per verificarne la durata, con controlli periodici, fino al suo decadimento.


Considerazioni:

nonostante l'empirico esperimento fai da te in casa, visti i risultati oggettivamente positivi e in considerazione che vi è stato anche un problema di temperature dovute a una inefficienza momentanea del dispositivo utilizzato per la conservazione, ritengo, a mio modesto parere, di aver raggiunto un buon risultato che logicamente va ripetuto con altri carpofori per trarre dati statistici certi.

Ringrazio pertanto tutti coloro che fanno parte dei NOS conservazione, questo primo successo è anche merito loro.

La metodologia utilizzata può essere ulteriormente perfezionata, ho già qualche idea da mettere in opera ma ulteriori test per il pico saranno possibili per la prossima stagione di raccolta visto che non ho più carpofori da sottoporre alle varie prove.

La foto che ha come sfondo il titolo della news precedente a questa l' ho scattata per dare prova della data odierna.

La data di ritrovamento è quella di cui all'uscita con il nos VB 28191.

Passo all'analisi sporale con relative foto che pubblicherò in coda alla presente appena avrò terminato le operazioni microscopiche.

Mau

















Presto seguiranno foto microscopia.


Eccole :







Considerazioni microscopia:

Le spore di un frammento prelevato dal piccolo tartufo in esame risultano mature, dal vetrino non sono state rilevate spore immature o in disfacimento.

Ben visibili sono anche gli aschi, salvo qualcuno per la rottura meccanica dovuta per la preparazione del vetrino, sono risultati integri.

L'ultima foto evidenza palesemente gli alveoli e relative pareti ( 3 di numero nel diametro maggiore della spora), utili alla determinazione microscopica della specie in esame, tuber magnatum Pico.

Considerazioni conclusive:

In mancanza di disponibilità di tartufi bianchi pregiati freschi si rimandano gli esperimenti alla prossima stagione di raccolta di questa specie ma nel contempo si procederà analogamente, negli esperimenti di conservazione, per le specie attulmente disponibili e per quelle future, come il borchii, il nero pregiato, l'aestivum ecc ecc.

Vedremo, man mano, cosa ne uscirà fuori.

Mau