Vaccino Anti-leishmaniosi, a cura di VETVIN

19 maggio, 2012



Ciao Mau, vedo che la vaccinazione contro la Leishmaniosi sta cominciando a creare interesse.

Del resto c'era da aspettarselo, considerando l'endemicità di molte zone della Penisola e, comunque e purtroppo, la sua diffusione anche in aree già considerate indenni (o quasi) da questa patologia!

Purtroppo la malattia si diffonde sempre più.

O meglio sempre di più si fa diagnosi di Leishmaniosi, anche laddove non si pensava affatto che tale patologia potesse essere presente.

La presa di coscienza della diffusione in molte più parti di quanto si aspettasse, ha interessato le case farmaceutiche ad investire per cominciare a pensare qualcosa di più concreto per fare prevenzione.

Già da molti anni (più di dieci) c'è un gruppo di luminari europei (e noi italiani abbiamo fatto la nostra ottima parte!) sta studiando per una profilassi vaccinale in merito alla patologia.

Oggi si è riusciti ad elaborare qualcosa che, come giustamente rappresentava il Vet all'amico che ha posto il quesito, ha permesso di fare un grande passo avanti!

Bisogna ricordare che, per tutte le malattie infettive, la PREVENZIONE si può ottenere sia in modo Diretto che Indiretto.

La Prevenzione DIRETTA consiste nell'evitare di avere un contagio con l'agente che causa la malattia (virus, batterio, protozoa, etc.): come ad esempio si ha per l'AIDS che prevede, come profilassi diretta, evitare il contagio, tenendosi lontano dalle condizioni che veicolano il virus (trasfusioni sicure, uso profilattico, etc.)

La Prevenzione INDIRETTA consiste nello "stimolare" l'organismo che si può ammalare mediante "sistemi immunizzanti": il vaccino.

Nel caso della Leishmaniosi, la profilassi Diretta, consiste nel cercare di creare sistemi che possano impedire alla zanzara (Flebotomo) di pungere e veicolare la Leishmania.

La profilassi Indiretta rientrerebbe con questo Vaccino.

Solo che, nel caso specifico, la protezione non è data dallo stimolare alla produzione di anticorpi (come accade per le normale vaccinazioni!) ma "mutare" il tipo di risposta di difesa del cane nei confronti della Leishmania ospite.

Accenno appena il fenomeno.

La Leishmania, per la sua "complessità antigenica" (ha molti elementi che provocano diversi tipi di risposta immunitaria), può provocare nell'ospite (cane) sia una risposta anticorpale (più o meno violenta) sia una risposta immunitaria "cellulo-mediata".

Quest'ultima è quella efficace a combatterla, in quanto attiva una serie di "cellule killer" che la conglobano e la neutralizzano. La risposta con i "semplici" anticorpi (molto efficaci per virus e batteri) è, in realtà, il male che determina i danni che tutti ben conosciamo.

In realtà la malattia è determinata proprio dall'abnorme risposta dell'ospite che non per gli effetti tossici che la Leishmania può provocare.

Il vaccino elaborato ha proprio questa funzione: spostare il tipo di risposta da "umorale" (produzione di anticorpi) a "cellulo-mediata" (attivazione di "mediatori" che fanno agire le cellule che "mangiano" la Leishmania).

Questi sono i motivi per cui ci son voluti molti anni (.... con scarsi investimenti da parte delle aziende farmaceutiche!) per elaborare un Vaccino.

NON è una "tradizionale" vaccinazione ma qualcosa di più complesso!

In realtà questi sono anche i motivi che hanno indotto, attualmente, a non poter "garantire" assoluta efficacia nel trattamento vaccinale, come si evince dallo stesso documento ufficiale che l'UE ha reso pubblico.

Mancano ancora le "esperienze di campo" che, volenti o nolenti, sono sempre gli elementi discriminanti sull'efficacia o meno di un prodotto.

Il tempo sarà galantuomo e ci dirà se gli studi e le sperimentazioni confermeranno efficace l'azione vaccinale attuale o se c'è ancora da ottimizzare.

Qui di seguito inserisco il "copia/incolla" del documento dell'UE sul Vaccino che evidenzia quanto ti ho detto.

Certo, attualmente questo tipo di "Prevenzione Indiretta" resta il sistema unico per dare azione di protezione, soprattutto laddove la Leishmania è endemica.

La valutazione di chi dovrà eseguire la profilassi deve essere fatta con attenzione con i Vet di referenza che conoscono bene tutte le condizioni e che la consiglieranno assolutamente o valuteranno se attendere per avere ulteriori risultati di campo.

Non guardiamo il costo della vaccinazione!

Se verrà confermata l'efficacia, ha un valore incommensurabile, considerando le spese da affrontare per la terapia, i controlli veterinari e di analisi e, soprattutto, l'incertezza di successo terapeutico o di controllo della patologia!

Quanto prima vorrò elaborare un documento esplicativo, più approfondito, su cosa è la Leishmaniosi e la Leishmania: come vedi differenzio le due cose.

Purtroppo spesso si usano come sinonimi ma in realtà non lo sono!

Cercherò di essere tempestivo, compatibilmente con i mille impegni che ogni giorno mi oberano....

Un caro saluto
Vetvin

Documento UE - link: http://www.ema.europa.eu/docs/it_IT/document_library/EPAR_-_Product_Information/veterinary/002232/WC500104954.pdf




RISPOSTA

Grazie Vincenzo, sempre chiaro e professionale!!!

Hai provato il kit?

Fammi sapere.

Mau

Di seguito il motore di ricerca interno per le trovare info sulle zone o altri argomenti: