Il cane da tartufo "battitore"

10 maggio, 2013



Mau, id 1, trovatartufi.com

Come promesso, a seguito dei ricorrenti quesiti su come sarà la stagione di raccolta del tartufo estivo, sono uscito appositamente a tartufi per farvi capire un concetto basilare......


Molti del sito spesso mi chiedono come sarà la stagione di raccolta, altri asseriscono che è in ritardo in base ai loro ritrovamenti ed esperienze, confrontando spesso le raccolte da loro effettuate nello stesso periodo della la scorsa stagione.

Quello che voglio far capire è il concetto che oltre alla produttività di una determinata zona e/o relativamente al fatto se in questa i tartufi sono più o meno maturi, la differenza la può fare il cane da tartufo e logicamente anche il tartufaio/addestratore.

Tralascio momentaneamente le figure del tartufaio e dell'addestratore ma non quello del cane da tartufo.

Questo per farvi capire che nella medesima zona tartufigena, nello stesso momento e tartufaia un cane può non trovare nulla, un altro qualcosa, un'altro ancora più tartufi.

Ho preso tre cani adulti ed esperti ma con cerca e velocità diversa, di solito, in altre escursioni, la scelta su quali cani portare ricade sui ruoli che ho assegnato loro in base alle loro caratteristiche fisiche e di esperienza, il tutto in base al luogo da battere, dalla presenza di concorrenza ecc ecc.

Proprio per farvi vedere la differenza, ho scelto Fiona, bracco pointer veloce e perlustratrice, Pato, lagotto di taglia leggera con cerca medio bassa e Billo, bracco lagotto, battitore.

Un battitore è un battitore, lo si addestra a tale ricerca, vedetelo e fatemi sapere se anche il vostro cane è un battitore così!

La finalità dell'escursione, come già detto, è quella di far capire a molti che le loro ipotesi sulla produttività di una determinata zona, assente, tardiva o meno, è da considerarsi esclusivamente in base alla esperienza del loro cane, dal suo modo di cerca, nonchè quella del tartufaio addestratore.

Generalizzare sulla produttività o tardività di un areale è quindi fuori luogo per un tartufaio di un certo livello, perchè ciò è riferito alle caratteristiche del branco, il proprio!

Nel medesimo luogo un altro branco potrebbe non trovare nulla o fare incetta di tartufi!

Questo appena scritto è il concetto che molti devono apprendere!

Apprendere........ per migliorarsi!

Di fatto e lo dico con cognizione di causa, in alcune zone nos, i componenti della squadra sin dall'apertura, lamentano scarsi o mancati ritrovamenti, mentre so per certo che alcuni non nos, tartufai professionisti che battono la stessa zona, ci stanno cavando tartufi, arbitrariamente, già da febbraio scorso.

DA FEBBRAIO!!!!!

Qualche giorno fa un nos nelle medesime tartufaie, in una intera giornata ne ha raccolti 185 grammi, mentre un professionista, dalle 18 alle 20, due chili e..... senza zappare!!!

Ho sentito da fonte, attendibile che oggi un solo tartufaio professionista, senza zappa, ne ha fatti oltre cinque chili.

Questo è un dato di fatto, quindi la sensibilità olfattiva di un cane può fare la differenza, come tra l'altro la sua concentrazione e cerca minuziosa sulla cava.

Avrete tra poco modo di vedere un mio cane battitore al lavoro su di un filmato che ho appositamente girato per l'occasione.

Tenete conto che è stata una uscita di un paio di ore, il tempo di fare qualche ripresa e poi sono rientrato perchè i tartufi non sono maturi e non conviene per ora raccoglierli, avrò controllato sei o sette pianelli in tutto degli oltre 400 che conosco qui da me. ;)

Alcuni ombrati, alcuni assolati, alcuni su taglio di quest'anno, altri su taglio di due anni.

Dal filmato appurerete che un cane con cerca briosa, perchè ha un olfatto meno sensibilizzato, ha meno probabilità di scovare gli stessi tartufi stanati dal cane battitore.

Capire i ruoli di un cane è importante, come è importante comportarsi adeguatamente nelle fasi di cerca con ognuno di questi.

Vedrete che se sono fermo sul pianello, a volte anche in ginocchio o seduto, il battitore perlustra centimetro dopo centimetro la tartufaia, concentrandosi e facendo molti controlli nel tentativo di stanare il tuber.

Qualora verrebbe meno la mia staticità il cane mi seguirebbe e i tartufi difficili, per mancata concentrazione olfattiva e di cerca, non verrebbero stanati...lasciandoli al cane più bravo di qualche collega che seguirà le mie orme.

A volte l' attesa di un primo ritrovamento da parte del cane battitore avviene dopo circa dieci minuti pertanto, per evitare che la lunghezza del filmato sia tediosa e molto pesante da pubblicare su internet, ho tagliato le scene.

Vedere questo filmato sarà noioso perchè di solito si vogliono vedere ritrovamenti veloci e bottini cospicui, ma come già detto, quando i tartufi sono maturi e super profumati tutti i cani sono facilitati e tutti possono vivere certi momenti e riprenderli, mettendoli anche in mostra.

Al contrario, questo filmato e argomento è pertanto indirizzato a chi vuole crescere in questa passione lavoro, non c'è quindi da rifarsi gli occhi per chi vuol soltanto vedere entro un palmo del suo naso! :)

Lo scopo è quindi didattico.

Quanto sopra vale anche per il pico e le altre specie di tuber.

Vedete il filmato e pensate al fatto che ogni cane può essere educato per svolgere un ruolo per soddisfare le nostre esigenze di cerca, di concorrenza, ecc ecc.

Il kit per l'applicazione del nuovo addestramento e allenamento è ottimale per far ciò!