Tuber fulgens Quélet 1880

23 giugno, 2013


Ciao Maurizio

Ti mando un riconoscimento molto interessante che proviene dalle Alpi Orobiche bergamasche, di un tartufo piuttosto raro, che pensavo di averti già inviato mesi fa, quando è stato trovato, ma a quanto pare non è così, non avendolo trovato nell’archivio di Trovatartufi.

A presto

Marco

xxxxxxxxxxxx
13.02.2013
Da Maurizio B. - BG;

Ciao Marco,
ti invio le foto del tartufo che ti ho spedito, le ho scattate il giorno che l'ho trovato sotto un pungitopo, aveva un odore gradevole simile allo scorzone.

Il colore vivace, le spore subglobose nella quasi totalità e soprattutto l'odore mi farebbero escludere Tuber excavatum, ma uso il condizionale, aspetto la tua opinione in merito.

A presto,
Maurizio

xxxxxxxxxxxx

14.02.2013

Da MoraraMarco ;

Caro Maurizio,
dalla foto è impossibile non ritenere il tuo tartufo appartenente alla specie
Tuber excavatum Vittad. ..... o meglio (ma lo verificherò per bene al microscopio)
Tuber fulgens Quélet 1880, per il quale le spore non sono esclusivamente ben ellissoidali (Q= 1,3 / 1,6) come nella prima specie indicata, ma possono essere anche subglobose.

Anche il colore più rossastro confermerebbe questa ipotesi.

Personalmente sono del parere di considerarlo
Tuber excavatum var.fulgens (Quelét) Fischer 1897, ma questa è solo un mio punto di vista, anche perchè non avevo mai fatto caso alla rotondità delle spore, le poche volte che l’ho trovato , o mi è parso di trovarlo..

Comunque attendo i tartufi,
a presto
Marco

PS: Ti mando una foto della pagina del libro (bello) dove si parla di T.fulgens evidenziando la forma subglobosa delle spore:
LAMBERTO GORI
I FUNGHI IPOGEI DELLA LUCCHESIA
E DI ALTRE PROVINCE ITALIANE E DALL'ESTERO
Maria Pacini Fazzi editore

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

15.02.2013
Da MoraraMarco ;

Caro Maurizio,
ti confermo che i due mezzi tartufi che mi hai inviato sono della specie
Tuber fulgens Quélet 1880,
che comincio a considerare specie valida, a differenza di quanto ipotizzato prima, data la particolarità evidente della microscopia.


Ci sono spore perfettamente globose ed altre subglobose o ellissoidali, ma con Q vicino ad 1, e anche il reticolo è di due tipi: a volte a maglie regolari e complete, a volte spezzettato; le prime hanno un episporio analogo a T.aestivum, le seconde analogo a T.mesentericum, per intenderci.

L'odore forte e grato mi è sembrato immediatamente di fungo porcino, mentre da essiccato ha un odore deciso di prosciutto stagionato, come riporta Gori.

Complimenti! Hai trovato un altra specie non comune

Adesso che mi hai dato il vizio, vorrei che mi mandassi un tartufo raro alla settimana
eh eh eh

Un saluto a te e alla tua Signora

A presto

Marco


DIDASCALIE DELLE FOTO DELL'ALLEGATO

00A – Foto Maurizio.B, – Tuber fulgens fresco
00B – Foto Maurizio.B – Tuber fulgens fresco, in sezione
01.Tuber fulgens - perìdio e gleba - .jpg
02.Tuber fulgens - perìdio e gleba -- .jpg
03.Tuber fulgens - sezione - .jpg
04.Tuber fulgens - microscopia - gleba con spore - .jpg
05.Tuber fulgens - microscopia - .jpg
06.Tuber fulgens - spore a diverso reticolo e forma - .jpg
07.Tuber fulgens - aschi con spore a diverso reticolo e forma - .jpg
08.Tuber fulgens - aschi trisporei con spore globose a diverso reticolo - .jpg
09.Tuber fulgens - asco trisporeo con spore globose - .jpg
10.Tuber fulgens - asco bisporeo con spore globose - .jpg
11.Tuber fulgens - asco monoisporeo con spore rotonda a reticolo intero- .jpg
12.Tuber fulgens - spora subglobosa a reticolo completo - .jpg
13.Tuber fulgens - spora globosa a reticolo frammentato- .jpg
(le foto da 01 a 13 sono mie)

MARCO MORARA.

XXXXXXXXXXXXXXX

RISPOSTA

Ciao Marco, come di consuetudine ho pubblicato un filmatino, significando che le foto sono in sequenza come da descrizione.

E' in alta definizione pertanto per vedere i particolari è consigliabile visualizzarlo a schermo intero.

Alle prossime e buona visione a tutti!

Mau